Santa Catarina: Terra di Opportunità

Santa Catarina è una terra benedetta, piena di virtù e con grande potenziale. Terra in cui la bellezza dei paesaggi è lo scenario perfetto per lo sviluppo di gente educata e laboriosa, risultato dell'affascinante fusione tra popoli oriundi da tutte le parti del mondo, che si incontrarono in questo piccolo paradiso nel sud del Brasile. Fare di Santa Catarina un posto ancora migliore per viverci è una grande sfida per qualunque governatore.

Il successo di Santa Catarina come uno stato che offre buone opportunità lavorative ed eccellente qualità di vita si spiega, in gran parte, per lo sviluppo decentralizzato, la forte influenza dell'eredità culturale degli immigrati europei e l'enfasi data all'etica del lavoro. La valorizzazione delle inclinazioni regionali ha portato ad una crescita equilibrata, in cui ogni regione ha un rilevante ruolo culturale ed economico. Invece di metropoli piene di problemi causati dalla superpopolazione, Santa Catarina conta sulla forza delle città di media densità: nessuna supera i 500 mila abitanti.

Tale caratteristica contribuisce alla nascita di aziende di presenza rilevante nel mercato nazionale ed internazionale. I prodotti catarinensi sono esportati in oltre 190 paesi. La regione nord dello stato è conosciuta grazie al polo metalmeccanico e per le fabbriche di mobili, mentre nella valle dell'Itajaí l'industria tessile e la produzione di cristalli occupano la posizione di punta. Nel sud costituiscono grande importanza le ceramiche e l'industria del carbone. Nell'ovest il punto forte è l'agroindustria, mentre nell'altopiano serrano sono molto importanti l'allevamento di bestiame e l'industria di legname. Il polo tecnologico di Santa Catarina accoglie 1,5 mila aziende con un fatturato di più di R$ 1 miliardo all'anno e impiegano 13 mila lavoratori. I settori agro-affari, commercio e servizi sono grandi generatori di lavoro e di rendita in tutte le regioni catarinensi.

Santa Catarina si trova in un punto privilegiato del Mercosul, a metà strada tra i due maggiori poli industriali del continente, San Paolo e Buenos Aires, e dista meno di due ore di volo dalle capitali dei paesi vicini. Tutte le regioni sono collegate per mezzo di autostrade asfaltate in buono stato di conservazione. Dispone anche di tre porti: Itajaí, São Francisco do Sul e Imbituba, tra i più equipaggiati del paese per le esportazioni. Negli ultimi tre decenni l'economia dello stato è cresciuta più del 300%. Gli indici di scolarità, salute, durata media di vita, distribuzione di rendita, tra gli altri, si trovano tutti al di sopra della media nazionale.

Il flusso turistico nello stato supera gli otto milioni di persone l'anno, più del totale della sua popolazione. Di estate i 560 km di costa offrono una varietà enorme di spiagge: sono più di 500. In inverno, la neve e l'agriturismo nell'altopiano serrano attirano turisti da tutte le parti. Renderci più famosi nel mondo è una sfida che lo stato affronta sempre con successo. Più difficile è portarvi i visitatori per la prima volta. Ritornare a Santa Catarina poi è quasi inevitabile, talmente grande è il suo fascino.

Per rafforzare il concetto di decentralizzazione, ragione primaria dello sviluppo catarinense, abbiamo creato 36 Segreterie per lo Sviluppo Regionale site nelle città-polo di ogni micro-regione. Facciamo la nostra parte cercando di mantenere un governo agile ed aperto, che dia voce ad ogni città, valorizzi l'autonomia e le peculiarità delle differenti regioni e porti la sua opera a tutto lo stato. Un governo che sia sempre all'altezza di questa terra e del suo popolo.